La Giardia, minaccia invisibile alla salute del cane o del gatto. Quale consiglio in farmacia

Post sponsorizzato

La salute non è soltanto assenza di malattia, ma una condizione complessiva di benessere fisico, psichico e sociale. Qualcosa, cioè, che coinvolge tanti aspetti della vita della persona, considerata non più soltanto nella sua individualità, ma all’interno di un sistema, come l’ambiente in cui vive e le relazioni che instaura.

Questa condizione vale anche per i nostri amici a 4 zampe, per tale motivo è essenziale proteggerli da tutti i pericoli dell’ambiente esterno, derivanti non solo dagli ectoparassiti, ma anche da quei parassiti più insidiosi, che colpiscono dall’interno. Tra questi troviamo un parassita microscopico di nome Giardia, responsabile di un’infestazione dell’apparato digerente sia del cane sia del gatto, chiamata Giardiasi. La Giardia si ancora alla parete interna dell’intestino tenue, interferendo in questo modo con la regolare assimilazione dei grassi e degli zuccheri necessari, comportando, tra le varie cose, anche sindromi da malassorbimento.

La Giardiasi il più delle volte rimane asintomatica, tuttavia, in animali anziani, nei cuccioli o in animali immunocompromessi manifesta complicazioni cliniche anche importanti, quali perdita di peso, letargia, inappetenza, febbre e diarrea, con la presenza o meno di sangue. Non bisogna nemmeno dimenticare che la Giardiasi è una zoonosi, quindi una patologia trasmissibile dall’animale all’uomo. Il contagio da Giardia avviene tramite l’ingestione di cisti infestanti presenti nel cibo contaminato o nelle feci di altri animali infetti. Non è possibile escludere nemmeno il contagio attraverso l’acqua. Benché la più alta concentrazione di infestazioni si riscontri nei canili e nelle aree rurali, anche le aree cani e i parchi presenti nelle nostre città sono un luogo potenzialmente pericoloso per i nostri beniamini.

Per diminuire il rischio di infestazione vanno seguite poche, ma utili raccomandazioni, che il farmacista può ricordare al proprietario di animali. Tra queste importante è la raccolta degli escrementi del proprio cane o del gatto, non soltanto per decoro e per educazione, ma anche perché il parassita è già infestante nelle feci appena emesse. Altro consiglio può essere quello di non far bere l’animale dalle pozze stagnanti oppure di utilizzare una museruola se il cane ha l’abitudine di mangiare le feci proprie o altrui.

MSD-Banner-Panacur-Mobile

Panacur Compresse & Panacur Pasta contro i parassiti intestinali nel cane e nel gatto

In commercio esistono diverse soluzioni di facile somministrazione e che non necessitano di prescrizione medico-veterinaria. Inoltre, alcuni farmaci indicati per il trattamento di questa parassitosi possono essere validi alleati anche contro vermi tondi e vermi piatti, molto comuni sia nei cuccioli, sia negli adulti.

Per trattare le parassitosi intestinali è a disposizione del farmacista Panacur, farmaco veterinario senza obbligo di ricetta, non solo in compresse, ma anche nella nuova formulazione in pasta per uso orale. Panacur tratta i parassiti interni che non si vedono (come nematodi gastrointestinali, cestodi e Giardia), ma attaccano l’intestino di cuccioli e adulti e possono essere trasmessi anche all’uomo. Panacur è adatto sia ai cani, sia ai gatti. È un prodotto MSD Animal Health, azienda impegnata a preservare e a migliorare la salute e il benessere degli animali.

Altri articoli sullo stesso tema
Send this to a friend