Il ruolo del farmacista nella prevenzione delle punture dei parassiti

Post sponsorizzato

Tanti sono i piccoli grandi nemici dei nostri animali da compagnia: parassiti di piccole dimensioni che possono, però, colpire i nostri pet e talvolta mettere in grave pericolo la loro salute. Non vanno sottovalutati anche perché, sebbene siano minuscoli, sono estremamente diffusi ovunque sul territorio e in ogni stagione dell’anno.

[/vc_column_text]
exspot-msd
[/vc_column][/vc_row]

I parassiti esterni più conosciuti sono le zecche e le pulci, la cui pericolosità è dovuta alla modalità con cui si nutrono: questi parassiti pungono, infatti, la cute del cane, ancorandosi allanimale e banchettano, poi, con il sangue del loro ospite: il pasto è molto pericoloso perché è in quel momento che i parassiti possono inoculare gli agenti patogeni responsabili di malattie quali, per esempio, la borreliosi, lanaplasmosi, lerlichiosi, patologie che, se non tempestivamente diagnosticate, possono rivelarsi addirittura mortali.

Un altro parassita spesso sottovalutato è la mosca: alcune specie si cibano di sangue grazie al particolare apparato a baionetta con cui pungono la cute del cane in prossimità del padiglione auricolare, del muso e del tartufo, predisponendolo al rischio di infezioni batteriche. Bisogna prestare attenzione, poi, anche alla presenza dei pappataci e delle zanzare, simili tra loro, ma pericolosi in maniera differente. I pappataci, in particolare, quando sono infetti, sono vettori di una grave malattia molto diffusa su tutto il territorio nazionale, la leishmaniosi. Trasmissibile alluomo, può avere un decorso silente oppure molto grave: può, infatti, causare uninsufficienza renale, che nel 50% dei casi è mortale. Peraltro, se la terapia nelluomo è risolutiva nella quasi totalità dei casi, nel cane non è esattamente così, può recidivare più volte e quasi mai si arriva alla completa guarigione. Le zanzare dal canto loro sono i vettori implicati nella diffusione della filariosi cardio-polmonare, che interessa sia il gatto, sia il cane.

Exspot, efficace dopo una sola applicazione

I nostri amici a quattro zampe possono incontrare i parassiti durante tutto lanno e non soltanto nel periodo primaverile, per questo è fondamentale proteggerli scegliendo con consapevolezza un valido antiparassitario, dietro consiglio del medico veterinario e del farmacista di fiducia, che saprà consigliare il trattamento più efficace e adatto alla situazione.

Con una sola somministrazione, Exspot di MSD Animal Health protegge il cane da pulci, zecche, pappataci, zanzare, pidocchi e mosche per 4 settimane, grazie alla sua formula a base di permetrina ad altra concentrazione (65%). La confezione di Exspot contiene 6 pipette da 1 o 2 ml a seconda della taglia del cane e ciascuna pipetta protegge per un mese. Exspot può essere utilizzato sui cani a partire dalle due settimane di vita ed è disponibile in farmacia senza obbligo di prescrizione.

MSD-exspot
Altri articoli sullo stesso tema
Send this to a friend