Cosmofarma presenta l’edizione 2021: a Bologna dal 9 al 12 settembre per parlare di reazione e valori

Eventi

E’ una farmacia ormai tornata ai valori del 2020 dopo un inizio d’anno in forte contrazione la protagonista dell’edizione 2021 di Cosmofarma Exhibition, in programma a Bolognafiere dal 9 al 12 settembre in contemporanea con Sana, il Salone internazionale del biologico e del naturale, e OnBeauty di Cosmoprof, la fiera della cosmetica. Il 7 luglio la conferenza stampa con cui gli organizzatori hanno presentato il cartellone dell’evento. «Il claim della manifestazione sarà “Reazione – I valori al centro” perché è proprio dai valori che dobbiamo ripartire» ha detto Francesca Ferilli, direttrice di Bos srl «questa edizione nasce per dare voce alla volontà di reazione e alla capacità di cambiamento, consolidando i valori fondanti della farmacia». Il tema farà da filo conduttore a un calendario di 50 eventi che comprende il convegno istituzionale a cura di Fofi, Federfarma, Fondazione Francesco Cannavò e Utifar, in programma sabato 11 settembre, la Nutraceuticals Conference e il Cosmetic Summit (stessa data) e il Barometro Farmacia di Doxapharma (venerdì 10 settembre).

«Ci sono fondati motivi per ritenere che nel 2021 il mercato della farmacia possa tornare a crescere dopo un inizio d’anno molto negativo» ha aggiunto Sergio Liberatore, amministratore delegato di Iqvia Italia «nelle prime 24 settimane del 2021, cioè fino al 20 giugno, il fatturato del canale ha superato gli 11 miliardi di euro, lo 0,3% in più rispetto allo stesso periodo del 2020». Il recupero è guidato dall’area commerciale, dove però le farmacie tradizionali devono confrontarsi con la crescente concorrenza dell’e-commerce: «Nei 12 mesi da giugno 2020 a maggio 2021» ha ricordato Liberatore «i ricavi delle farmacie online hanno superato i 423 milioni di euro, per un incremento del 51,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La previsione è che il trend sia destinato a proseguire, ma le farmacie fisiche hanno ancora la possibilità di fare leva su alcuni elementi distintivi: principalmente il rapporto personale con il farmacista, la prossimità e la farmacia dei servizi, che è sempre più una realtà».

«Questa edizione di Cosmofarma è importante per tanti motivi» ha commentato il presidente della Fofi, Andrea Mandelli «dopo l’annullamento dell’edizione 2020, è la prima che vede la collaborazione di Federfarma, Utifar e Fondazione Cannavò e il patrocinio della Fofi e viene a coincidere con un momento cruciale, nel quale il Paese può finalmente intravvedere l’uscita dall’emergenza pandemica e i farmacisti e la farmacia italiani raccolgono i risultati del loro strenuo impegno durante la crisi». «La pandemia ha rappresentato per tutti noi una grande prova alla quale le farmacie e i farmacisti hanno saputo reagire con volontà e impegno, riuscendo a soddisfare i nuovi bisogni di salute espressi dai cittadini» ha ricordato il presidente di Federfarma, Marco Cossolo. «E’ un evento che registrerà unanime consenso» ha aggiunto il presidente della Fondazione Cannavò, Luigi D’Ambrosio Lettieri «perché dopo un lungo periodo di limitazioni, la comunità professionale tornerà a condividere in presenza l’impegno necessario per affrontare questa lunga fase di cambiamento e di evoluzione». «C’è grande interesse per questa edizione di Cosmofarma» ha concluso il presidente dell’Utifar, Eugenio Leopardi «perché è incentrata attorno al concetto della reazione, ovvero la voglia di ripartenza all’insegna di una ritrovata normalità della nostra professione. La reazione è una fase che, naturalmente, ne segue un’altra che noi farmacisti conosciamo molto bene, quella della resilienza».

Altri articoli sullo stesso tema
Send this to a friend