Shop farmacia, apre da agosto il magazzino di Milano. «Presto consegne in 24 ore in tutto il Nord»

Filiera

Consegne più veloci, anche in 24 ore, su oltre 15mila prodotti della farmacia con etichetta e confezione italiane. È quanto promette da agosto Shop-Farmacia, la filiale italiana dell’e-commerce olandese Shop-Apotheke, con la prossima apertura del suo nuovo magazzino alle porte di Milano (Settala, a 15 chilometri dall’aeroporto di Linate). Con una superficie di oltre 17mila mq, il nuovo centro logistico viene presentato dal gruppo come la leva che accelererà il delivery del farmaco (sop e otc) e dell’extrafarmaco acquistati su Shop-Farmacia: «Aprendo un nuovo magazzino in Italia avremo tempi di consegna molto più brevi» recita la comunicazione che da qualche giorno campeggia sul sito della farmacia online «da agosto saremo veramente veloci: accorciamo le distanze, perché per poterci prendere cura di te dobbiamo starti vicino». E non solo: «Venendo in Italia riduciamo le nostre emissioni di Co2 del 30%».

«È vero» conferma a Pharmacy Scanner Massimiliano Grigolini, director country management Italia & Svizzera di Shop Apotheke «siamo perfettamente in linea con la tabella di marcia e prevediamo di iniziare le attività nel nostro centro logistico di Milano dal mese di agosto».

Il recapito entro le 24 ore, prosegue Grigolini, si concretizzerà a ruota: «Per noi Milano è una posizione strategica fondamentale che ci consentirà di raggiungere molto più rapidamente un’ampia parte della popolazione italiana» osserva «presto aggiungeremo Poste Italiane come secondo corriere (il primo è Bartolini, ndr) e quindi disporremo di migliaia tra uffici postali e punti di ritiro. In questo modo, contiamo di consegnare tutti gli ordini provenienti dal Nord Italia entro le 24 ore dalla spedizione».

Per il suo magazzino milanese (il primo al di fuori dei Paesi Bassi) il gruppo ha già una decina di posizioni aperte sulla sua pagina web di recruiting, ma ci sono novità anche per il portale di e-commerce: da qualche giorno, infatti, la homepage del sito italiano (Shop-farmacia.it) reca un nuovo logo che non ha nulla in comune con il brand internazionale, cui si ispirava la versione precedente.

 

Shop-Farmacia, il nuovo logo disgiunto dal brand internazionale

Nuovo logo per il portale italiano di Shop Apotheke, che si distacca totalmente dal brand internazionale. È una scelta in netta antitesi con le altre farmacie online europee come DocMorris-Zur Röse o Atida, che invece puntano sulla riconoscibilità del marchio in tutto il mercato europeo dell’online.

 

Quella di Shop Apotheke è una scelta in netta antitesi con le altre farmacie online europee (DocMorris-Zur Röse, Atida…) che invece puntano sulla riconoscibilità del loro marchio a livello europeo. «Il nuovo logo» si limita a commentare Grigolini «fa parte dello sviluppo del nostro brand in Italia, per rispondere ancora meglio alle esigenze dei consumatori».

Viene da chiedersi se dietro a questa divaricazione di marchi non ci sia la recondità volontà di disgiungere l’immagine che il gruppo oggi ha in Germania da quella che vorrebbe costruirsi in Italia. Nel Paese tedesco Shop-Apotheke è considerata da tempo un acerrimo avversario delle farmacie indipendenti, anche a causa di alcune iniziative commerciali “audaci” che sono sfociate in contenziosi legali con le associazioni dei titolari.

Così fosse, la tentazione di cercare paralleli non verrebbe comunque meno. Per esempio, è difficile non mettere in relazione i piani di Shop Farmacia in Italia riguardo alla consegna entro le 24 ore con i progetti di Shop-Apotheke in Germania sul q-commerce (l’e-commerce con recapito lampo). Dalla primavera scorsa il gruppo olandese detiene la proprietà di First A, uno dei tanti “quick delivery” della farmacia che dall’autunno scorso sono spuntati come funghi nelle principali città tedesche: i prodotti acquistati su Shop-Apotheke sono recapitati dai rider della società entro 30 minuti, grazie all’appoggio di una sessantina di farmacie partner in calce e mattoni. Al momento il servizio copre una mezza decina di metropoli tedesche, ma si sta progressivamente allargando ad altre venti città. E non solo: «Insieme a Shop-Apotheke» diceva ad aprile il co-fondatore di First A, Florian Swoboda, alla rivista Apotheke Adhoc «ci espanderemo anche nel mercato europeo».

Nel frattempo però il q-commerce ha mostrato segnali di incertezza. A fine maggio Gorillas, la società tedesca che per prima si è lanciata con decisione nel quick delivery, ha annunciato il taglio di 300 posti di lavoro, per consolidare la redditività a lungo termine. E un paio di settimane fa Kurando, start up dell’home delivery per la farmacia, ha ammesso di trovarsi in forti difficoltà finanziarie. All’origine, la fortissima concorrenza che caratterizza il settore e costringe gli operatori a comprimere non solo i costi, ma anche gli utili.

Altri articoli sullo stesso tema
Send this to a friend