Resilia, la nuova app “made in Italy” per l’assistenza sanitaria a domicilio

People & Brand

Si chiama Resilia ed è l’ultima novità tra le app per l’home care delivery. Già scaricabile da Google e Apple Store, la piattaforma punta a fare da intermediario diretto tra i pazienti domiciliarizzati (anziani, non autosufficienti eccetera) e i fornitori di servizi di personal care. Resilia, in sostanza, funziona come un marketplace geolocalizzato che consente agli utenti di usufruire delle prestazioni di cura e assistenza erogate a domicilio da care worker professionisti e, a questi ultimi, di promuovere il proprio business sul territorio. Lanciata a Roma e Milano, l’app è a disposizione di tutte le famiglie che hanno bisogno di un contatto diretto con infermieri, oss, specialisti, fisioterapisti, osteopati nel comparto medicale, nutrizionisti, psicologi, assistenti familiari e babysitter per l’ambito sociosanitario. Oltre a contatti e prenotazioni, asono possibili anche pagamenti veloci tramite carta di credito, con utilizzo dei dati nel rispetto di privacy e sicurezza.

«La pandemia ha cambiato le nostre abitudini, forse in modo permanente, nell’acquisto domiciliare di prodotti e servizi mediati da piattaforme digitali» commentano i due manager che hanno creato Resilia, Tommaso Scalzi e Thomas Carganico «la care economy genererà il 40% delle nuove opportunità di lavoro nelle professioni emergenti a livello globale entro il 2023, secondo il World Economic Forum. E in Italia il 14,9% della popolazione è caregiver di un proprio familiare. Resilia vuole essere un partner per migliorare lo stile di vita delle persone e trasformare le difficoltà in opportunità, proponendosi come soluzione vincente per il settore. Per questo, offriremo l’iscrizione gratuita a tutti i professionisti, almeno fino a giugno 2022 e puntiamo a scalare anche i mercati esteri: nelle ultime settimane abbiamo aperto una sede anche a Londra e negli Stati Uniti». (MB)

Altri articoli sullo stesso tema
Send this to a friend