Mercato

Ogni quattro confezioni di medicinali che escono dalla farmacia tre appartengono a un off patent, cioè un farmaco con brevetto scaduto, branded o generico. E tra i farmaci di fascia A sono oltre quattro su cinque, perché i “brevettati” non rappresentano più del 18% del totale. E’ una delle fotografie scattate dal Rapporto dell’Ufficio studi di Assogenerici sui numeri del primo trimestre 2019: basata su dati Iqvia, l’analisi riferisce di un canale farmacia sempre più “genericocentrico”, con gli equivalenti branded che pesano per il 52% sul totale mercato (volumi tutte le classi) e per il 53% sulla sola fascia A e gli equivalenti unbranded (i generici puri) che pesano per il 23 e il 29% rispettivamente (vedi torte in basso a sinistra).

 

Totale mercato e fascia A
segmentazione a volumi

Totale mercato e fascia A
segmentazione a valori

 

A valori, invece, il farmaco con brevetto riesce ancora a pesare per più di un terzo del mercato, grazie al differenziale di prezzo (vedi torte sopra a destra): su una spesa di fascia A che nel primo trimestre supera di poco i 2 miliardi di euro, il 38% arriva dai farmaci con tutela brevettuale (in cifre, circa 762 milioni di euro), il 39% dagli equivalenti branded (791 milioni) e il 23% dagli equivalenti generici (477 milioni). Sul mercato farmaceutico complessivo, che vale circa 2,7 miliardi, i generici valgono invece un po’ meno del 15% (391 milioni di euro), gli equivalenti branded il 47% e il farmaco con brevetto ancora il 38%.

 

Farmaci, trend trimestrali delle vendite a valori

Anche se continuano a generare le quote di mercato più piccole, gli equivalenti generici rappresentano comunque il segmento che in qualche modo riesce a tenere su la spesa farmaceutica complessiva: negli ultimi 8 trimestri, infatti, il generico ha sempre mostrato consumi a valori in crescita (vedi grafico sopra), mentre l’equivalente branded ha fatto registrare andamenti con il segno meno fisso. Stesse dinamiche nella spesa farmaceutica di fascia A: nel periodo gennaio-marzo 2019 i farmaci coperti da brevetto arretrano dell’8,4% rispetto allo stesso periodo del 2018, gli off patent e in particolare i generici puri fanno registrare una crescita dell’8,2%.

 

Consumo di equivalenti per regione (volumi)

 

Ancora una volta la distribuzione geografica dei consumi di equivalenti mostra forti differenze tra le regioni: al primo posto svetta sempre la Provincia autonoma di Trento (dove i generici rappresentano a volumi il 42,6%, vedi grafico sopra), seguita da Lombardia (38,7%), Friuli Venezia Giulia (36,8%) ed Emilia Romagna (36,4%). Chiude la classifica la Calabria (20% di equivalenti) preceduta da Basilicata (20,2%), Campania (21,2%) e Sicilia (21,5%). Ammonta infine a 289,2 milioni di euro la compartecipazione sulla quota di rimborso pagata dai cittadini nel primo trimestre dell’anno per ottenere il branded anziché il generico: l’incidenza più alta in Lombardia (38 milioni di euro), seguita da Lazio (37 milioni), Campania (34 milioni) e Sicilia (30 milioni).

Recommended Posts