Prodotti Biologici? Facciamo un po’ di chiarezza

Post sponsorizzato

Il consumatore di oggi è sempre più incline all’utilizzo di prodotti di skincare naturali o biologici e questo settore è in rapidissima ascesa, tanto che si stima che entro il 2025 i cosmetici bio e vegan conquisteranno una fetta di mercato da 48 miliardi di dollari a livello mondiale.  L’offerta di cosmetici biologici oggi è davvero alla portata di tutte le tasche: detergenti viso, creme antirughe, idratanti per il corpo, shampoo, maschere, prodotti per bambini, creme solari e bagnoschiuma si trovano oggi sia in grande distribuzione che in catene specializzate. Ma tutti questi cosmetici che presentano sul packaging una fogliolina verde o l’indicazione “bio” o “vegan” sono davvero biologici come affermano di essere?

Un prodotto può essere naturale ma non necessariamente biologico. E quando si parla di biologico, molti loghi sembrano simili, ma in realtà, seguono regole diverse e questo crea confusione nel consumatore finale. Anche se non esiste una definizione ufficiale di “prodotto cosmetico naturale”, un prodotto viene considerato “naturale” quando contiene almeno il 95% di ingredienti di origine naturale. Questo significa che gli ingredienti provengono direttamente dalla natura o che sono stati sottoposti a processi semplici come la pressatura, la distillazione a vapore, l’ammollo ecc. Ad oggi, invece, nessun regolamento spiega chiaramente cos’è un prodotto cosmetico biologico, quindi, perché un prodotto sia definito “biologico”, deve avere un’etichetta che indica che risponde a determinati requisiti. La maggior parte di queste certificazioni impone le seguenti regole: una lista di ingredienti vietati, una percentuale minima di ingredienti biologici e naturali, il rispetto di regole di produzione. Per questo motivo è necessario imparare a leggere le formulazioni e a riconoscere le etichette di certificazione riconosciute a livello europeo.

Per proporre prodotti che soddisfino il consumatore anche sotto questo aspetto, Mustela – brand leader nella dermocosmesi per neonati e bambini – ha scelto gli ingredienti attivi presenti nelle sue linee per tipo di pelle secondo il criterio dell’agricoltura biologica. L’Avocado per la pelle normale, la Cera d’api per la linea pelli secche, la Schisandra per la pelle ipersensibile e il Girasole per la pelle a tendenza atopica sono gli ingredienti biologici, provenienti da fornitori responsabili e sostenibili, presenti all’interno dei prodotti delle varie gamme, tutte estremamente sicure ed efficaci per un utilizzo fin dalla nascita.

In tutti gli step del processo produttivo, Mustela – brand del laboratorio farmaceutico e dermocosmetico indipendente francese – si impegna per soddisfare alti standard: gestione responsabile delle filiere vegetali per monitorare la tracciabilità dei principi attivi di origine vegetale, dalla coltivazione o raccolta, fino alla loro trasformazione e incorporazione nei prodotti, supportando le popolazioni ed economie locali. Una grande attenzione è data agli ingredienti che vengono utilizzati per le formulazioni: uno tra tutti l’avocado, da cui viene estratto l’attivo di punta – il Perseose d’avocado – scartato dall’industria alimentare viene infatti recuperato, lavorato e sfruttato dalla buccia al nocciolo, evitando quindi qualsiasi tipo di spreco di prodotto. La sostenibilità guida da sempre le scelte di Mustela, dove la volontà di proporre cosmetici sicuri e ad alte percentuali di naturalità rima sempre con il rispetto e la tutela dell’ambiente.

Mustela-Bio
Altri articoli sullo stesso tema
Send this to a friend