Medi-Market al rebranding di Pharmashop. E arriva un’altra apertura in centro città

Extracanale

Prosegue la “ri-brandizzazione” dei tre negozi Pharmashop appartenenti a Medi-Market, il gruppo belga che in Italia conta otto parafarmacie extra-large (sopra i 200 mq). Il punto vendita di Milano-corso Buenos Aires reca colori e format della catena dall’8 aprile scorso (vedi foto sotto); la parafarmacia di Torino-piazza Carlo Felice è attualmente sotto ristrutturazione (ma senza chiusure temporanee) e verrà re-inaugurata con l’insegna Medi-Market il 5 maggio. L’esercizio di Milano-via Torino, infine, verrà convertito al format entro l’estate.

Intanto prosegue il piano di crescita del gruppo: i piani da qui alla fine dell’anno contemplano l’apertura di altre quattro o cinque parafarmacie taglia “XXL”, la prima in ordine di tempo forse a Parma. Non conferma però Nino Faiella, direttore della filiale italiana di Medi-Market: «Apriremo sicuramente nel centro di una città del Nord» spiega a Pharmacy Scanner «ma dove non è ancora definitivo». Anche i formati si stanno progressivamente assestando, sulla base dell’esperienza maturata finora negli altri store: «Ci stiamo orientando su due modelli di parafarmacia» conferma Faiella «il format da centro città come la Medi-Market di Milano-via Garibaldi, con superficie commerciale non oltre i 250 mq, e il format extra-large degli store ubicati nei retail park, come Bologna-Castelguelfo, dai 300 mq in su».

 

La parafarmacia Pharmashop di Milano-corso Buenos Aires dopo la conversione al format Medi-Market. Anche qui posizionamento della catena sull’edlp (every day low price) è esplicitato da un cartello in bella vista che promette “i prezzi più bassi di Milano” (foto sotto).

 

Apparterranno a questa categoria le altre tre-quattro aperture che Medi-Market ha già pianificato dopo quella in un centro città. «Anche in questo caso le location sono ancora incerte» osserva Faiella «però continuiamo a restare nel nord Italia». Non ci saranno cambiamenti nei programmi nemmeno dopo la notizia dei cento integratori a marchio che Amazon ha notificato nelle settimane scorse al ministero della Salute. «Non è una sorpresa, è una mossa che prima o poi avrebbero fatto» conclude il manager «hanno le competenze e sanno a quali fornitori rivolgersi. Io ritengo però che nell’healthcare il negozio fisico avrà sempre la precedenza: lo vediamo nei nostri punti vendita, il cliente preferisce toccare con mano, esplorare le gamme, chiedere un consiglio. La shopping experience del mondo reale rimane irripetibile».

 

Altri articoli sullo stesso tema
Send this to a friend