Iqvia: etico e otc allargano la perdita, veterinaria sospinta dal “new normal”

Mercato

Raffreddori e sindromi influenzali rinviano ancora l’appuntamento con la stagione invernale e il giro d’affari della farmacia allarga la flessione sull’anno passato: -5,3% dopo le prime quattro settimane del 2021, che a volumi (confezioni vendute) significa una contrazione del 6%. E’ quanto riferisce il report con cui Iqvia aggiorna curve e cifre del mercato con i dati relativi ai sette giorni compresi tra il 25 e il 31 gennaio: in un mese, il canale mette assieme un fatturato di 1,4 miliardi di euro, per un totale di 184 milioni di pezzi venduti. Rispetto alla settimana precedente, allargano la perdita sia l’etico (-5% a volumi sul 2020, quasi un punto in più) sia l’area commerciale (-7,3), che a gennaio totalizza un giro d’affari di 751 milioni di euro (in crescita del 3,7% sulla terza settimana ma in contrazione dell’8,9% sulla quarta settimana del 2020.

Come si diceva, è la mancata stagionalità a tirare verso il basso fatturati e volumi: il segmento antitussivi e antiraffreddore perde dopo quattro settimane il 55,3% a valori (e si ferma poco sotto i 60 milioni di euro di fatturato), i prodotti per il mal di gola attenuano la perdita ma il giro d’affari (12 milioni di euro a gennaio) resta dimezzato rispetto all’anno scorso. Viaggia invece in terreno ampiamente positivo il segmento degli immunostimolanti, che grazie ai consumi da covid cresce nel mese del 76,4%  e raggiunge a valori i 9,8 milioni di euro.

Tra i comparti della farmacia che in questo primo mese del 2021 mettono a segno crescite importanti sull’anno passato ci sono anche i veterinari: in quattro settimane le vendite crescono a valori del 21% e superano i 25 milioni di euro, per un totale di oltre un milione di confezioni vendute (+16.6%). E’ l’inequivocabile segnale che le nuove abitudini di acquisto indotte da covid (il “new normal”, come dicono gli esperti) hanno colpito anche i proprietari di pet, che riscoprono il punto vendita di quartiere a scapito del superstore specializzato ma “insicuro”.

Contenuta, infine, la perdita del cura persona (igiene e bellezza), che nelle quattro settimane di gennaio flette del 2,2% a valori e del 5,9% a volumi sullo stesso mese del 2020.

 

Il mercato della farmacia alla quarta settimana del 2021

Cliccare sul grafico per ingrandire in una nuova finestra

 

Farmaco etico, i consumi a unità

Cliccare sul grafico per ingrandire in una nuova finestra

 

Area commerciale, l’andamento a valori

Cliccare sul grafico per ingrandire in una nuova finestra

 

Mascherine e igienizzanti per mani

Cliccare sul grafico per ingrandire in una nuova finestra

 

Paniere prodotti covid

Cliccare sul grafico per ingrandire in una nuova finestra

Nella categoria sono ricompresi, tra gli altri, ossimetri e termometri, immunostimolanti, probiotici e vitamine, calmanti e prodotti per tosse e raffreddore.

 

Paniere covid, sottogruppo Prevenzione sintomi

Cliccare sul grafico per ingrandire in una nuova finestra

Comprende immunostimolanti, probiotici, vitamine e multivitaminici.

 

Paniere covid, sottogruppo trattamento sintomi

Cliccare sul grafico per ingrandire in una nuova finestra

Comprende calmanti e prodotti per il sonno, rimedi per la digestione, antitosse e antiraffreddore.

 

Paniere covid, sottogruppo dispositivi, disinfettanti  e altro

Cliccare sul grafico per ingrandire in una nuova finestra

Comprende test rapidi per covid, ossimetri, termometri, creme per mani, disinfettanti per la pelle, guanti.

 

Prodotti di stagione: tosse e raffreddore

Cliccare sul grafico per ingrandire in una nuova finestra

 

Prodotti di stagione, immunostimolanti

Cliccare sul grafico per ingrandire in una nuova finestra

 

Prodotti di stagione, mal di gola

Cliccare sul grafico per ingrandire in una nuova finestra

 

Prodotti veterinari

Cliccare sul grafico per ingrandire in una nuova finestra

 

Paniere del cura persona

Cliccare sul grafico per ingrandire in una nuova finestra

Recommended Posts
Send this to a friend