Farmaci veterinari online, il Ministero pubblica le istruzioni per richiedere il logo Ue

Filiera

È finalmente online la pagina del ministero della Salute che fornisce ai siti di e-commerce italiani istruzioni e moduli necessari a ottenere il logo europeo per la vendita a distanza dei farmaci veterinari. La novità discende dall’art. 104 del Regolamento Ue 2019/6, entrato in vigore il 28 gennaio scorso: analogamente a quanto avviene per i farmaci otc, i siti autorizzati alla commercializzazione dei medicinali per uso animale senza obbligo di ricetta devono recare un bollino di riconoscimento (vedi sotto) che punta al registro ufficiale del Ministero, già online ma ancora vuoto.

 

 

Il logo (vedi sopra la versione irlandese) richiama da vicino il bollino già in uso da anni da parte delle farmacie e delle parafarmacie che commercializzano online i farmaci otc. Possono richiederlo – spiega il Ministero – le farmacie, gli esercizi di cui all’articolo 5 del decreto legge 223/2006 (parafarmacie e corner gdo), i grossisti autorizzati alla distribuzione diretta che intendono vendere online medicinali veterinari senza obbligo di prescrizione e infine gli esercizi commerciali non registrati, «limitatamente ai farmaci veterinari di cui all’articolo 90 del decreto legislativo 193/2006» (ossia antiparassitari, disinfestanti per uso esterno e medicinali per piccoli animali da compagnia).

Farmacie, parafarmacie e grossisti, che già figurano nel Nuovo sistema informativo sanitario (Nsis) del ministero della Salute, devono soltanto aggiornare i propri dati (tramite questa pagina) indicando la volontà di effettuare la vendita a distanza dei medicinali veterinari autorizzati. Gli altri esercizi commerciali che intendono vendere a distanza, invece, devono registrarsi nel Nsis (con questo modulo) e, laddove richiesto, notificare l’intenzione di vendere a distanza anche alla Regione o alla Provincia autonoma competente. Le richieste non comportano il pagamento di alcuna tariffa e vengono sbrigate entro 30 giorni dalla data di ricezione via pec.

Altri articoli sullo stesso tema
Send this to a friend