Apre la farmacia online per l’anziano, in partnership con Senior Italia e i medici della Fimmg

Filiera

Arriva la farmacia online per l’anziano, che sempre più spesso compra su internet prodotti per la salute e il benessere così come per il pet. Lo dice un sondaggio condotto dal Centro studi Senior Italia-FederAnziani: più di uno su due (51,1%) effettua acquisti online e di questi il 46,6% lo fa almeno 4-5 volte l’anno; un altro 28,8% si affida al web spesso o addirittura sempre e soltanto il 24,7% lo fa raramente. Tra i motivi, la comodità di acquisto e la consegna a domicilio (44,6%), la convenienza economica (22,3%), assortimento e reperibilità dei prodotti (16,9%); solo il 2% lo ha fatto per paura della pandemia.

Di qui l’iniziativa che Senior Italia-FederAnziani ha presentato martedì 10 maggio alla stampa, la farmacia online dell’anziano: si chiama Lamiafarma.it e fa capo alla parafarmacia “fisica” Farmalife di Città di Castello (Perugia), che a sua volta porta al distributore umbro Vim spa. Il legame tra il sito internet – regolarmente autorizzato con bollino del Ministero rilasciato il 4 aprile scorso – e  Senior Italia consiste in una partnraship che coinvolge anche il Sispen (Sindacato italiano salute pensionati), la Fimmg (il sindacato più rappresentativo dei medici di famiglia) e il Sumai-Assoprof, la sigla sindacale dei medici ambulatoriali.

«La farmacia online garantirà prezzi scontati ai nostri iscritti e a quelli delle organizzazioni che aderiranno al progetto» spiega a Pharmacy Scanner Eleonora Selvi, presidente di Senior Italia-FederAnziani «Fimmg e Sumai invece cureranno i contenuti scientifici che nel tempo verranno inseriti nel portale: consigli di salute, indicazioni sugli stili di vita, aggiornamenti e chiarimenti, sempre accompagnati dall’indicazione che su farmaci e integratori è comunque consigliabile rivolgersi al medico di fiducia. In più, c’è la rubrica “Il farmacista risponde”».

L’obiettivo, in sostanza, è quello di dirottare gli anziani che sempre più spesso comprano a distanza su una farmacia online affidabile per contenuti e “sociale” per prezzi. «Abbiamo pensato a una piattaforma che si rivolga specificatamente al mondo dei senior» conferma Selvi «che sia attenta ai loro bisogni e parli con il linguaggio dei senior. In questi anni di pandemia, abbiamo notato un netto incremento della spesa online degli anziani e in particolare degli acquisti di prodotti dell’area salute: farmaci senza ricetta, integratori, prodotti per il benessere, ma anche prodotti per la cura e l’alimentazione degli animali domestici, che rappresentano la compagnia principale di tanti pensionati. Nello stesso tempo, però, sono lievitati i prezzi al pubblico, cosa che ci ha preoccupato».

In effetti, più di un anziano su quattro (25,8%) dice di spendere in acquisti online almeno 300 euro all’anno, mentre per più di uno su tre (37,1%) la spesa si aggira tra i 100 e i 300 euro. La stragrande maggioranza di loro si ritiene soddisfatta: “molto” nel 20,5% dei casi, e “abbastanza” per il 67,1%. Tra le referenze più acquistate online i prodotti sanitari e farmaceutici (14,9%), i cosmetici e i prodotti per l’igiene e la cura del corpo (9,5%), e poi l’elettronica e i piccoli elettrodomestici (16,7%), gli articoli per la casa, il giardino, il fai da te (10,4%), l’abbigliamento (7,7%). Quasi uno su 10 (il 9,2%) dichiara di acquistare online alimenti per animali, e ancora più spesso (14,3%) prodotti per la cura e il benessere degli animali. Tra i metodi di pagamento prevalgono la carta prepagata (38,3%), la carta di credito (27,7%), l’invio in contrassegno (12,8%), Pay Pal (11,7%) e il bonifico (9,6%).

«Sull’e-commerce non ci sarà un ritorno al pre-pandemia» osserva la presidente di Senior Italia-FederAnziani «i senior sono sempre più digitali e sempre più propensi all’acquisto online. Ma è anche vero che su internet si corrono ancora tanti rischi. Con questa iniziativa proponiamo ai nostri anziani un sito web dove trovare informazione qualificata, prodotti in linea con i loro bisogni e prezzi contenuti. Vogliamo essere un riferimento per i centri sociali, dove abbiamo i nostri iscritti, e per i loro gruppi di acquisto».

Selvi, infine, esclude ogni intento competitivo verso le farmacie “fisiche”. «Lavoriamo da molti anni con Federfarma» spiega «e riteniamo che la rete delle farmacie del territorio rappresenti una risorsa insostituibile, soprattutto nelle aree interne. L’ampia platea degli anziani riconosce al farmacista un ruolo insostituibile e sarebbe folle pensare di sostituirsi a lui. Con questo progetto vogliamo soltanto essere un punto di riferimento per i senior che già comprano su internet con regolarità, non vogliamo assolutamente spostare dal fisico al digitale gli anziani che comprano nella loro farmacia di fiducia».

 

Altri articoli sullo stesso tema
Send this to a friend