Osservatorio Pharmatrend

l mercato della nutrizione in farmacia comprende cibi speciali, prodotti per l’infanzia e dimagranti ed è in sofferenza sul trimestre luglio-settembre sia nei valori (-3%) sia nei volumi (-5%). Nel mercato infanzia, in cui sono ricompresi omogeneizzati, liofilizzati, biscotti, cereali e latti, tutti i segmenti mostrano contrazioni particolarmente negative, a doppia cifra (fanno eccezione i latti, in perdita “solo” del 2% a valori).

Mostrano invece il segno positivo (in volumi e fatturati) alcune nicchie molto specifiche come i latti idrolisati. Si tratta di prodotti trattati con idrolisi, che scinde le proteine in frammenti talmente piccoli da perdere gran parte del loro potere allergizzante e sono ovviamente destinati a neonati con problemi particolari. Risultato, il segmento chiude il trimestre con un giro d’affari di 27,5 milioni di euro (-5,8% sullo stesso periodo del 2016) e vendite per 6,4 milioni di pezzi (-8,2%).

 

Prodotti per l’infanzia, l’andamento regionale

Dati aggiornati al III trimestre 2017, sell out prezzi al pubblico.

In sofferenza anche i prodotti dimagranti (pasti sostitutivi), che chiudono un altro trimestre in negativo: il fatturato del segmento si ferma a 2,7 milioni di euro (-11,2%) e le vendite a 720mila pezzi (-6,9%).

 

Prodotti dimagranti, l’andamento

Dati aggiornati al III trimestre 2017, sell out prezzi al pubblico.

Il segmento degli alimenti speciali (destinati agli adulti) perde nel trimestre l’1,3% in valori e si ferma a 65 milioni di fatturato, ma presenta alcuni segmenti in controtendenza. I prodotti più “medicali” per esempio, valgono quasi 16 milioni di euro sul trimestre (circa il 25% del mercato adulti) e chiudono il periodo in positivo. In farmacia, anche in questo caso, premia il segmento destinato a patologie specifiche (come la disfagia) spesso prescritto dal medico specialista.

I prodotti più generici destinati agli adulti che hanno bisogno di un apporto nutrizionale aggiuntivo (per esempio cibi e bevande per gli sportivi) hanno un aumento interessante della domanda ed un trend in modesto incremento in valori (1%). Un risultato indirizzato anche dalle promozioni di periodo. Continua invece la sofferenza degli alimenti “free” (aproteici, senza glutine…) colpiti dalla concorrenza fuori canale.

 

Cibi speciali e altri prodotti, l’andamento

Dati aggiornati al III trimestre 2017, sell out prezzi al pubblico.


Fonte: IQVIA Multichannel View. Proprietà riservata, vietata la riproduzione.

Recommended Posts