Filiera

Estendere la rete, diffondere il format, rafforzare la linea a marchio e, perché no, acquisire qualche farmacia di proprietà. Sono gli obiettivi per il 2018 di Club Salute – il network della Cooperativa farmaceutica lecchese che in 7-8 anni di vita è arrivato a riunire una sessantina di esercizi tra Lombardia, Liguria e Piemonte – secondo il presidente Cesare Guidi. «L’obiettivo numero uno è quello di crescere» spiega Guidi a Pharmacy Scanner «vogliamo arrivare a 100-150 farmacie nel giro di un anno circa, garantendo comunque a ogni socio un bacino di esclusiva adeguato. E’ uno sviluppo che vorremmo sostenere anche grazie all’intervento di qualche player che ci aiuti a essere più veloci nelle forniture. Ci sarebbero vantaggi reciproci, perché il futuro non è nella logistica ma nelle reti».

Tra i progetti in cantiere, poi, c’è l’estensione del concept Club Salute. «Attualmente» conferma Guidi «sono una decina le farmacie del circuito che già hanno indossato il nostro format d’arredo (vedi gallery sotto, ndr). Contiamo di aggiungerne altre nel nuovo anno per rafforzare l’identità del network, che oggi comunque già viaggia su category, loyalty card e volantini. Siamo ottimisti, anche perché i dati dicono che dal format discendono incrementi medi del 10% nella marginalità del comparto commerciale».

 

 

Si lavorerà anche sulla fedeltà dei soci («attualmente siamo al 70% con punte dell’85%» dice Guidi «ma vogliamo arrivare a un valore medio dell’80%») e si procederà anche all’acquisto di qualche farmacia di proprietà se ci sarà l’occasione. «Club Salute è una spa che gode della piena fiducia dei suoi soci» ricorda il presidente «tant’è vero che 47 farmacie su 60 hanno investito nella società più di 900mila euro. Se ci sarà la possibilità, quindi, compreremo anche noi, ma soltanto se poi potremo governare direttamente: acquisire una farmacia per lasciarla alla gestione precedente non avrebbe senso, sarebbero soldi buttati via».

Di tutto rispetto, infine, i numeri della marca privata, che reca lo stesso nome del circuito. «Club salute conta attualmente una trentina di referenze nella dermocosmesi e nell’integrazione» dettaglia Guidi «e da quando l’abbiamo lanciata, nella primavera scorsa, abbiamo già totalizzato dalle nostre farmacie acquisti per 456mila euro. I prodotti, tra l’altro, possono essere personalizzati con il bollino della farmacia».

Recommended Posts